ContattiDownloadNewsRassegna stampa ITALIANO | ENGLISH | 中国 Youtube
+41 91 993 13 01 - +39 02 8715 90 82
T +41 91 993 13 01 info@seri-lugano.ch
ITALIANOENGLISH中国
Navigation
ASA X-tra
ASA X-tra

LA SOLUZIONE ABLATIVA
AI DIFETTI VISIVI

La tecnica ASA X-tra
La ASA, come la LASIK, è un intervento che utilizza il laser ad eccimeri per la correzione miopia, ipermetropia, astigmatismo, e in casi selezionati anche la presbiopia, modificando la curvatura corneale.

Questa tecnica viene utilizzata nei casi in cui lo spessore corneale è troppo sottile e non consente di intervenire con tecnica LASIK. ASA è acronimo di Advanced Surface Ablation, ossia “Ablazione Avanzata di Superficie”. La ASA X-tra è sempre eseguita in anestesia topica, instillando gocce di collirio anestetico prima dell’intervento. L’intervento è in genere bilaterale (effettuato cioè su entrambi gli occhi in un’unica seduta operatoria) e dura pochi minuti. 

Le fasi dell’intervento
“Ablare” significa “rimuovere”: il primo passo consiste, infatti, nel rimuovere lo strato più superficiale ed esterno della cornea (l’epitelio). Per fare questo il Dr. Roberto Pinelliutilizza una soluzione a base idroalcolica che “ammorbidisce” le cellule della superficie corneale e ne facilita la rimozione, riducendo notevolmente il dolore post-operatorio (che caratterizza invece la tecnica PRK). La maggior parte dei pazienti, infatti, dopo ASA X-tra riporta solo fastidio, fotofobia e eventuali altri effetti che comunque svaniscono nell’arco di qualche ora. Dopo aver liberato manualmente la cornea dal suo epitelio esterno, si può intervenire con il laser ad eccimeri: il chirurgo vaporizza il tessuto corneale per qualche secondo, per correggere la curvatura della cornea quanto basta per eliminare il difetto visivo.

Viene poi eseguito un cross-linking corneale accelerato (C3-R) della durata di circa 75 secondi, durante i quali l’azione sinergica della riboflavina (vitamina B2) e dei raggi UV-Afortifica i legami tra le fibre di collagene presenti nel tessuto corneale. Al termine dell’intervento viene applicata una lente a contatto morbida, per permettere la ricostituzione dell’epitelio rimosso. La fase di ricostituzione dell’epitelio richiede qualche giorno, dopo il quale la lente a contatto viene rimossa dal chirurgo.

Scarica la brochure

Richiedi + info

LA SOLUZIONE ABLATIVA
AI DIFETTI VISIVI

La tecnica ASA X-tra
La ASA, come la LASIK, è un intervento che utilizza il laser ad eccimeri per la correzione miopia, ipermetropia, astigmatismo, e in casi selezionati anche la presbiopia, modificando la curvatura corneale.

Questa tecnica viene utilizzata nei casi in cui lo spessore corneale è troppo sottile e non consente di intervenire con tecnica LASIK. ASA è acronimo di Advanced Surface Ablation, ossia “Ablazione Avanzata di Superficie”. La ASA X-tra è sempre eseguita in anestesia topica, instillando gocce di collirio anestetico prima dell’intervento. L’intervento è in genere bilaterale (effettuato cioè su entrambi gli occhi in un’unica seduta operatoria) e dura pochi minuti. 

Le fasi dell’intervento
“Ablare” significa “rimuovere”: il primo passo consiste, infatti, nel rimuovere lo strato più superficiale ed esterno della cornea (l’epitelio). Per fare questo il Dr. Roberto Pinelliutilizza una soluzione a base idroalcolica che “ammorbidisce” le cellule della superficie corneale e ne facilita la rimozione, riducendo notevolmente il dolore post-operatorio (che caratterizza invece la tecnica PRK). La maggior parte dei pazienti, infatti, dopo ASA X-tra riporta solo fastidio, fotofobia e eventuali altri effetti che comunque svaniscono nell’arco di qualche ora. Dopo aver liberato manualmente la cornea dal suo epitelio esterno, si può intervenire con il laser ad eccimeri: il chirurgo vaporizza il tessuto corneale per qualche secondo, per correggere la curvatura della cornea quanto basta per eliminare il difetto visivo.

Viene poi eseguito un cross-linking corneale accelerato (C3-R) della durata di circa 75 secondi, durante i quali l’azione sinergica della riboflavina (vitamina B2) e dei raggi UV-Afortifica i legami tra le fibre di collagene presenti nel tessuto corneale. Al termine dell’intervento viene applicata una lente a contatto morbida, per permettere la ricostituzione dell’epitelio rimosso. La fase di ricostituzione dell’epitelio richiede qualche giorno, dopo il quale la lente a contatto viene rimossa dal chirurgo.

Scarica la brochure

Richiedi + info

Pinelli presby profile®

La soluzione per la presbiopia

Cross-linking

L'ultima frontiera per la cura del cheratocono

Lensectomia refrattiva

Innovazione d'avanguardia

Retina e macula

Professionalità, esperienza
e le migliori soluzioni.

FemtolasiK Lux®

La procedura più entusiasmante in chirurgia refrattiva.